Rabbia e stile

Maresciallo, ma insomma.

 

 

 

Per uno come Metuccio, doveva essere uno sforzo grandissimo.
Ultraterreno.
Talmente grande che ancora non si è esaurito del tutto.

 

 

C’è del comico nel fatto che le prime parole che mi sia trovata a leggere al mattino, ancor prima di un caffè a riassettare pancia e programmi, siano state le tue.

 

Dovrò lavorare rimaneggiare manipolare le sensazioni di te fino a renderle pasta elastica, per poterle un giorno metabolizzare.

 

Giorni di polso come essenza di zenzero.

 

Sai quante persone egoiste ci sono, senza avere l’eleganza del gatto.

 

Detesto mia madre a volte. In questo momento. Mi scarica addosso raffiche di tensione. Io non sono quella tensione.

 

La pioggia che ci scrutava incredula camminare mano nella mano si è riversata uguale identica nei gesti amichevoli in cui inciampo inattesa in questi giorni. D’altronde forse non è un caso se tutti pensano che l’Acquario sia un segno d’Acqua.

 

Potevo trovare altra accoglienza, forse.

Non ho voluto, e forse non era il momento.

 

Ma almeno ora so che posso. Ogni dettaglio intorno a me si sgola a proclamarlo, sperando che una buona volta mi entri in testa.

E il prossimo gesto che farò a me stessa, sarà carico del silenzio covato e attecchito.

Annunci

2 pensieri su “Rabbia e stile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...