Nel fiele, l’attesa è sempre ben riposta

Le acetelle ti aspettano accomodate su un divano gualcito ed ampio, con contorno di caramelle gommose. I tempi vacanti poi tanto vacanti non sono, se ti servono ad arraffare un po’ di respiro.

I terremoti richiedono tempo per essere elasticizzati, altrimenti rischi di perdertene qualcuno – se non tutti – lungo la via. Come quando si smagliano quelle buste ridicole che ti danno al supermercato, e sei costretta a raccattar di tutto da terra. E le tue mani non sono mai abbastanza disinvolte da contenere tutto, soprattutto l’imbarazzo che trapana le maglie, sfuggendo ogni buon proposito da fine del mondo.

 

Riscattare le valigie, e gli orecchini, e le gonne, sì da consentir loro di figurare non tanto per maturare – opinabile – diritto al saldo, ma almeno alleggerirlo in parte, una volta acquisito.

 

Lascio che le cose mi sfuggano, impedendomi afflizioni a causa loro.

Annunci

2 pensieri su “Nel fiele, l’attesa è sempre ben riposta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...