Verdetto a conguaglio

Umori che scoppiano a scandire, come fossero acerbi capelli bianchi.

Qualcosa ha preso a scampanare dal nulla, a tradimento. Giusto il tempo di fiutare il pericolo, bendarmi e fuggire a rotta di collo ( aver chiuso il gas e dato quattro mandate alla porta di casa è abbastanza irrilevante in certe circostanze)

Quasi sete di Pastis, al cospetto di certi rigurgiti poco simpatici.

(Mi) manca il sarcasmo dei miei passi, l’anima burbera e schietta dei gesti. Quel cuscino saporito chiamato silenzio.

Manca la distanza, la sola capace di dar forma a traiettoria e sguardo.

Annunci

2 pensieri su “Verdetto a conguaglio

  1. Le scampanate a tradimento sono terribili, le scampagnate, meno.

    Il pastis mi fa tornare in mente Izzo e i suoi libri (e Marsiglia che non ho visto) ma una volta l’ho assaggiato e non mi è piaciuto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...