Barlumi di autocoscienza mentre tutto zittisce

Fuori il vento muggisce – si rende necessario fotografare lo stato delle cose così da averne percezione della globalità e profondità.

Di ciò che è stato l’ultimo anno, non so se posso dirmene fiera o sazia. Appagata o pacificata.

I giorni continuano ad essere cantiere aperto e fumante, ma la spina dorsale ha dimostrato insospettabile capacità di autodiagnosi e correzione.

 

Acquisire( un) metodo in virtù della sua universalità.

 

Non gli eventi, ma come li indossi.

Mi preparo alla guerra tenendo a mente qualcosa di particolarmente buffo. Una risata immaginata a fare da bussola.

 

Correte a rotta di collo ore, quale che sia il verdetto che porterete.

 

Ho paura di posare lo sguardo sulla tua voce, del resto mi ammonisci di non farlo e io non riesco a violare spazi se non autorizzata. Ma vorrei. Essere capace di sovvertirti geometrie e convinzioni.

Dipingerti il rovescio della medaglia.

Ti tengo tra le pagine di quel libro.

In attesa della sera.

(E) di leggerti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...