Però non mi confondere con niente e con nessuno, e vedrai, niente e nessuno ti confonderà

“E tutte queste cose, tutte queste cose così sbagliate, tutti questi rapporti squilibrati, queste scelte negative … sì, era vero, niente di tutto questo sarebbe mai dovuto succedere, era stato tutto un terribile errore, eppure guarda a cosa aveva portato. Ha portato a te, Imogen! E quando vedo il ritratto che ti ha fatto Ruth, è evidente che dovevi esistere. C’è qualcosa di estremamente giusto in te. L’idea che tu possa non esistere, non essere mai nata, mi sembra così palesemente sbagliata, così mostruosa e innaturale … non che la tua esistenza corregga tutti quelli errori, o li annulli, no. Non giustifica niente. Quello che significa – l’ho già detto prima? Penso di sì, forse in altra forma – o meglio, quello che mi fa capire,  è questo:  che la vita comincia ad avere senso solo quando ti rendi conto che a volte – spesso – continuamente – due idee del tutto contraddittorie possono essere egualmente vere.

Tutto ciò che ha portato a te era sbagliato. Pertanto non avresti dovuto nascere.

Ma tutto in te è giusto: quindi dovevi nascere.

Eri inevitabile.”

 

(La pioggia prima che cada, di Jonathan Coe)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...