Un bagno chiuso dovrebbe pur essere un linguaggio universale

Le porte a sbattere come a voler ricordare qualcosa. Un pensiero accigliato.

 

Il glicine ritagliato nel cielo con la stessa vergine precisione con cui s’incollavano le figurine negli album ancora odorosi di edicola. Sparito lo squillante piacere d’accompagnamento.

 

Restano solo le cose. Con cui ormai ci parliamo solo per faccende di ordinaria amministrazione, o per rinfacciarci reciprocamente il frigo vuoto o il caffè da (ri) comprare.

Annunci

2 pensieri su “Un bagno chiuso dovrebbe pur essere un linguaggio universale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...