Un post che potrebbe cariarvi i denti

Ringrazio Chiara perché con questo mi ha inconsapevolmente costretta a fare una cosa che da molto mi ripromettevo, e da troppo rimandavo, causa pigrizia congenita.

Premesso che non sto neanche a contare il numero di regole del contest che infrangerò con questo post, quello che mi piace salvare del Sunshine Award è l’idea di poterlo usare come pretesto per parlare di robe che mi appassionano, qui in Rete e nella vita.

Mi piacerebbe che quelli che ho scelto come vicini di blog facessero conoscenza tra loro. Chiamatela convinzione romantica, ma vorrei sempre che le suggestioni che mi colpiscono, si contagiassero, a loro volta, reciprocamente.

Comincio presentandovi i vicini di casa storici.

Orange-juice. Marianna. Lo zucchero dei suoi pensieri è come quello della frutta, sostanzioso. Niente a che vedere con gli edulcorati artificiali. I palpiti che racconta, li riconosci che sono veri, perché non hanno mai un unico, asfaltato, sapore.

Seems like Nick Hornby. Zerocalcare .

Luoghi della memoria prossima. Memorie dal Po . Cattura scenari, i suoi, che mi sono da sempre di una familiarità estrema, e solo razionalmente indecifrabile. Ama i suoi luoghi, e l’impasto di questo sentimento con la tecnica, ne risulta delizioso.

Satura lanx. Baol. Riesce a farsi seguire in qualsiasi gomitolo decida di dipanare – o ingarbugliare – attraverso i flutti dei suoi pensieri.

Parole di raso. Dora e Massimo. Leggerli mi dà questa sensazione. Come intessere a mano, ago e filo, qualcosa di raro e importante.

Orgasmi neuronali. Dirtyfake ( a leggerli, ed ascoltarli, chè i baldi giovini sono un gruppo no – te – vo  – le, e son freschi di ultimo cd) e Marco Montanaro.

 

E adesso provo a salvare su disco fisso quanto di buono hanno portato questi ultimi, spelacchiati, mesi.  Pugnalate che sveglierebbero i morti, e che invece sembro accusare solo io. Non è che magari sono meno morta di quanto non creda?

Sono giorni in cui ricevo in regalo merendine, e dolci orgiastici. Mi sembra di essere tornata ai tempi delle medie, con la macroscopica differenza che oggi, se l’impercettibile non attecchisce e mette una qualche cazzo di radice, per me resta impercettibile come i fastidiosi granelli di sabbia che ti feriscono gli occhi in certe odiose giornate di scirocco sull’Adriatico.

Sono così deragliata, che il momento più pieno della settimana è il venerdì pomeriggio, all’uscita dalla lezione di tedesco; l’esposizione a questa lingua mi regala quintali di serotonina. A dire il vero forse il sabato mattina è anche meglio, tipo che, pur essendo l’unico giorno in cui potrei dormire lautamente, la sveglia mi squilla in testa precisa. Alle 10 c’è l’Ispettore Derrick. Roba che forse neanche da bambina, la mattina del 25 dicembre, raggiungevo ‘sto picco. Più probabile che abbia picchiato rovinosamente la testa, mi sa.

 

Mi riabbottono una ad una le asole della bocca, chè anche se sono bisbetica, ritrosa e pudica lo sono di più.

E niente, spero che vi piacciate, ecco.

sunshine-award-copia_thumb

Annunci

6 pensieri su “Un post che potrebbe cariarvi i denti

  1. Complimenti per il premio, complimenti per la tua nobilissima convinzione romantica, ma…. l’Ispettore Derrick? L’unica persona che ho visto appassionarsi a quelle atmosfere così… così… non so neanche come descriverele… è stata mia nonna. L’ho sempre “perdonata”, perchè mi ha insegnato l’amore per la poesia, per i sogni e per la vita. Adesso che non c’è più e ho letto nel post di Derrick, mi è venuta voglia di vederne una puntata, immaginando di averla al mio fianco :).
    Nel frattempo sbircio tra i tuoi premiati…

    p.s. ma il tedescone lo vedi in lingua originale?

  2. @ no, in lingua originale ancora non sono in grado! per il momento, in lingua ascolto loro

    (la cosa che mi rende caro il tedescone sono i suoi occhi tristi da cocker)

    @ massimo: vada per il miele, chè sui dolci di questo periodo ci sta tutto

    @ Baol: 🙂

  3. Complimenti per il premio, meritatissimo perché tu hai uno stile tutto tuo e scrivi proprio bene, andrò a farmi un giretto sui blog che segnali, da te presentati con parole che decisamente incuriosiscono. Grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...