Post(o) tossico

Mi manchi.

Le corde vocali hanno puntato i piedi per serrare quest’ammissione, e con loro un’insicurezza che mi si è incollata come il neo che ho sulle labbra.

Stanchezza come nebbia o sabbie mobili.

Permettere agli eventi di stupirti è come la ginnastica. Se perdi allenamento, ti si atrofizza lo stupore.

Qualcosa del genere. Così ti pensavo. Ho paura della mia mente quando è fredda, ed anche della mia risata.

Senza particolare attenzione, riuscivi ad essere pompiere o piromane del mio scabro carattere. Poche sensazioni ho attraversato con la stessa, lucida, accettazione.

valigia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...