Orto di guerra

Il gorgoglio della moka sul fuoco che ti dà il buongiorno. Mordere una pesca mentre la salsedine ti solletica il naso perché anche lei ne vuole un po’. C’è qualcosa di più reale?

Non fidarsi dei propri occhi. Non credere al proprio corpo. La mente che vuole farsi tiranna, e con l’abilità di un ladro sguscia per farla franca e vincere.  La frusta della mente è minaccia e persuasione così convincente, da rendere reale anche la neve gialla.

Mettersi a cantare al centro della bufera è come farle la linguaccia.  E il profumo di un mazzo di rose di stoffa diventa la cosa più reale e abbagliante che ci sia.

Annunci

4 pensieri su “Orto di guerra

  1. Il mazzo di rose rosse di stoffa è talmente reale che deve essere messo rigorosamente dentro un vaso di cristallo pieno di acqua. Con l’aggiunta di una pasticca di aspirina.
    Anche l’inganno merita di vivere a lungo nel profumo.
    E’ così bello sognare l’impossibile …
    un abbraccio
    AFB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...