Come tramontana

Le tue parole mi tagliano. In questo momento, tu coltello implacabile, io panetto di burro.

Almeno poterti rovesciare addosso come catino di acqua gelata le mie recriminazioni. E invece no.

Sei incolpevole, per tua fortuna.

Sentirsi piccola piccola. Come un maglione criminalmente ristretto dopo incauto lavaggio.

Almeno non t’avessi incontrato.

Anzi no.

Chè le tue imperfezioni, le asimmetrie, le incoerenze  – nel tuo granitico pragmatismo – ti fanno umano, caro e prezioso.

Non sono dentro di te, ma forse ho imparato un pezzetto del tuo mistero e allora – forse – può bastarmi serbarlo con me come amuleto.

Annunci

6 pensieri su “Come tramontana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...