Carciofi alla giudea

Ho sempre tentato. Ho sempre fallito.
Non importa. Tentare ancora. Fallire ancora.
Fallire meglio.
[Samuel Beckett]

 

Scegli, e ti assumi la responsabilità di ciò che ne consegue. Come a dire, nella speranza di acchiappare almeno un grammo di miele, intanto ti becchi una congrua dose di fiele.

Cosa ti spinge a stringere i denti e i pugni, masticare la solitudine e i “le faremo sapere”, convivere con quel telefono che si ostina a non squillare e con i pomeriggi primaverili immersi nel loro pigrore?

Ci sarà da sporcarsi le mani, come sempre, senza garanzia alcuna di ciò che (ri) emergerà dalla fanghiglia. Cadranno lacrime, e salirà la voglia di annegare il terrore del vuoto in abbracci fin troppo facili e totalmente privi di sodio.

Avverrà tutto questo, ma avrà un senso se il tuo sguardo saprà esattamente sfrondare l’essenziale dal cumulo di caos e plastica che gli si parerà davanti.

Annunci

12 pensieri su “Carciofi alla giudea

  1. Parlo da giovane precario che ha già incontrato un po’ di frustrazioni e lacrime. La rabbia c’è, ma la speranza non muore mai. Almeno quella so che non la possono portare via 🙂 A piccoli passi si conquista la propria tranquillità e armonia 🙂
    Un saluto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...