Il fascino discreto delle ciliegie del supermercato

A volte perfino aspettare un autobus può non essere così terrificante, se hai lasciato a casa il vestito da flagellante.

Il venerdì pomeriggio è una condizione dell’anima, è l’apertura massima di fronte alla volontà (e ai capricci) del caso. Accogliere ciò che viene per ciò che è. Senza leggerci accuse o, peggio, condanne. E’ un canzone leggera e sciocca quanto basta a riportare alla mente i vent’anni, con la loro scia d’inesplorato. Come viaggio agognato quando ancora ne hai assaporato solo i preparativi.

Racchiudere in un pugno l’odore di questo istante. Il palpito del sole in un pomeriggio d’inizio estate, in cui nulla conta abbastanza da far vacillare l’equilibrio dei miei desideri. Né della voglia d’interrogarmi, e  stupirmi.

Fiori di ciliegio

Annunci

4 pensieri su “Il fascino discreto delle ciliegie del supermercato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...