In ascolto

Ritrovarsi sola in un posto solitamente ricolmo di concitazione , di gente, e di tutti i loro umori più fetenti, fa uno strano effetto.

Mi succede spesso, e non riesco a fare a meno di pensarci.

E’ come se, in un luogo ormai libero di respirare, angosce, fantasmi e tachicardie scorressero rapide fino a scomparire, come acqua nello scarico del lavandino.

In un presente che riesce a grandinare solo condizionali, c’è fame di indicativo.

E allora mi ostino a rammendare con pazienza ogni strappo inopportuno, quasi certa che la prima folata di vento riaprirà la breccia peggio di prima. Chè non è più tempo per l’entropia, questo.

Del resto anche un bozzolo, nel suo piccolo, rivendica il diritto alla gioia. O no?

Annunci

3 pensieri su “In ascolto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...