Vorrei avere l’ironia di Max Collini per dirlo

Tra qualche ora sarò di nuovo a Roma. Eppure, stavolta non sono così entusiasta del bagaglio da portare. Forse perché quel po’ di essenziale che c’è nei miei giorni entrerebbe senza problemi anche nella borsa di pelle che mi piace tanto, ma che sono costretta a usare pochissimo, piccola com’è.

Ho spesso questa sensazione di spazio scomodo e ristretto in cui dover stipare ogni cosa. Ed è sempre tanto, perché non rinuncio a desiderare e volermi appassionare, e perché voglio nutrirmi di tutto. Non vorrei dover lasciar fuori niente. E invece una scelta s’impone. Sempre. E’ il prezzo della sopravvivenza.

L’appartenenza, per esempio, la devi scegliere ogni giorno appena ti svegli. E neppure questo basta. Perché l’appartenenza va coltivata e onorata. Ascoltata, anche quando può risultare disturbante come la stonatura di una voce afona. Voglio giorni stipati delle emozioni a cui appartengo. Quelle che mi arrossano le guance, come quando faccio le cose sconce.

Appartenere a quello che ha me come meta e miraggio.

Vi auguro altrettanto.

Buon anno.

Annunci

Un pensiero su “Vorrei avere l’ironia di Max Collini per dirlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...