Per abbattermi, dovranno spararmi alla schiena

Il tepore benevolo di una terrazza. Il pigro giocare a calcio dei ragazzini. Ritagliarsi una tregua dal mondo, subito dopo pranzo.

Non ci avrei scommesso che tutto questo mi sarebbe mancato. E infatti non ne ho avvertito l’assenza, finchè Roma mi ha monopolizzata, con le sue ruvide consapevolezze e una manciata di visi gusto vaniglia.

Quando il bene scongela la fiducia, la solitudine dell’età adulta è difficile da mandare giù. Forte la tentazione di perdere tempo a crogiolarsi in quel tepore simile alla sbornia.

Finchè una tazza di caffè, il mio, snebbia in un colpo solo pensieri e desideri.

Riempirmi gli occhi di quello che mi ha nutrita, è un pieno di forza per rimettermi in cammino.

Annunci

5 pensieri su “Per abbattermi, dovranno spararmi alla schiena

    1. hai ragione. Richard riesce a essere lieve e ironico senza perdere profondità e originalità. dannatamente sottovalutato, secondo me.

      [mi fa piacere rileggerti. mi manca il tuo blog, e le tue incursioni musicali e letterarie. spero che tu stia bene ]

  1. Roma non lascia tregua ai sognatori. Ma se puoi, se hai le forze, se mai avessi il tempo di farlo, fermati in un parco e ascolta: sembra quasi di esser da un’altra parte. Sembra quasi di non esser qui. Solo nell’incanto della natura alcune anime riescono a ritrovarsi. Ed è quello che ti auguro perché ti capisco profondamente. Buona giornata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...