San Francesco

Le domeniche pomeriggio sono così crudeli che, al confronto, perfino un’ultima volta sembra innocua. L’ultimo sguardo, l’ultima risata, l’ultimo ciao.

Qualunque strappo, se circondato dal sole pigro e sonnolento figlio del pranzo domenicale, è come ovattato. L’eco dell’imminente assenza, insonorizzata.

Dopo Firenze non mi fido più delle stazioni. Con le mappe turistiche potrei farci degli aeroplanini o, semplicemente, bruciarle.

Orientarsi o perdersi? A ottobre non sembra fare una grande differenza.

Le labbra che artigliavano come chele di granchio, ora sono impegnate in barocche conferenze in chissà quale parte del mondo
Il viso, capace di passare in un attimo dal buffo al dolce all’imbarazzato, starà sprecando un paio d’occhi azzurro-grigi a spiegare a una povera matricola di matematica perché deve bocciarla.

IMG_20150919_155320

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...