«Se non sei la mia donna, cosa m’importa?»

Novembre è un mese di parola. Mantiene quello che promette o meglio, che minaccia.

Non si può star sicuri mai. Vorrei riflettere adeguatamente su Parigi e quello che ne è seguito, ma purtroppo il mio quotidiano è inquinato da una presenza ancora più pressante e costante.

Nel condominio difronte al mio vive un uomo in cui non augurerei d’imbattersi neanche alla mia peggior nemica.

Questo individuo – fatico a definirlo altrimenti – ha quel genere di sguardo che fa sentire una donna denudata. Come ti frugassero nei vestiti. E tu sei inerme, perché a parte stravolgere orari e abitudini, evitare accuratamente di girare per il quartiere appena cala il sole, smettendo pressoché di vivere, non puoi fare molto.

Essere sola non sempre è facile. Essere per te stessa madre, padre e compagno non sempre è piacevole. A volte vorresti semplicemente accasciarti in un pianto liberatorio, sapendo di poter contare su due spalle che ti contengano, e un paio d’occhi liberi di lacrime. Il timore di essere violata perché colpevole di andartene in giro senza un uomo dato che, guarda un po’, questa figura non c’è, è come scontare dure volte il reato di “bastare” a te stessa.

E quando le presenze maschili intorno  a noi minimizzano il nostro terrore, i nostri presentimenti, è come essere consegnate nelle braccia dell’ominide che ci fruga nei vestiti. Pensateci un attimo: se si trattasse delle vostre compagne, di vostra sorella o vostra madre, sareste altrettanto “fatalisti”?

Mi fanno accapponare la pelle le cosiddette femministe con la bava alla bocca, che ritengono l’esistenza del’uomo un intoppo o un mero incidente di percorso nella storia dell’umanità. Credo nella complementarietà e nel fatto che gli uomini possono salvarci dalla nostra autoreferenzialità, ma penso che due torti non fanno una ragione.

compleanna-centro-donnalisa-valerio-vive-30bwg9nfbs0wn3uy845f62

Annunci

Un pensiero su “«Se non sei la mia donna, cosa m’importa?»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...