Se giugno è presagio di agosto

L’abuso di caffeina mi rende irrequieta, eppure l’abitudine (o la compulsione?) è più forte della constatazione dettata dall’esperienza.

Ciononostante mi percepisco terreno destinato a un ciclo di riposo per eccessivo sfruttamento. Tuttavia, pullulo di cose che vorrei fare, di buoni propositi atti a rendermi migliore. La consuetudine a vivere al ribasso rischia di essere potente come una zavorra, e implacabile come corredo genetico.

Forse mi sto svuotando (del superfluo) per far posto al nuovo. Nella fase attuale non so ancora se sia la verità, o semplicemente quello che mi piace pensare. Nel dubbio potrei silenziare i pensieri, i vorrei ma non posso, i potrei ma non voglio (davvero), e concentrarmi unicamente sui voglio quindi posso.

Combattere l’intossicazione da condizionale, e cominciare a vivere, riconciliandomi con l’indicativo presente. Un obiettivo sufficientemente realistico e a portata di mano da far terra bruciata degli alibi a cui sono più affezionata.

 

Annunci

2 pensieri su “Se giugno è presagio di agosto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...