Il succo di limone va maneggiato con cura

Viaggiare è un piacere che comincio a pregustare ben prima di salire sull’aereo.

E’ un rituale che abbraccia ogni fase della (materiale) preparazione della partenza.

Fantasticare sui posti che mi incuriosiscono già a leggerne la descrizione, le ricerche incrociate che mi porteranno a scegliere dove mangiare. Informarmi sui piatti locali, e soprattutto sui prodotti da forno, ché la colazione ha un’aura quasi mistica, per me.

Adesso questo orgasmo mentale è stato completamente inibito. Raggelato sul nascere. Come decidere quale peso dare ai pareri altrui su un luogo che ancora non si conosce direttamente? Difficile non pagare lo scotto del corto circuito cognitivo che ne può derivare.

In passato l’incoscienza delle “prime volte” mi ha permesso di godere luoghi tecnicamente difficili, attraversandoli indenne. C’è una crudele comicità nel fatto che la mia attuale piena, a tratti amplificata, percezione del pericolo, mi dia la sensazione di essere incredibilmente più vulnerabile di quel sabato di tre anni fa quando andai a teatro ai Quartieri Spagnoli.

Servirebbe una cartina tornasole per controllare, al bisogno, che il ph del pensiero non abbia sforato la soglia di acidità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...