La collisione di due ragioni

Il dolore è egualitario e non dà preavviso.
Come amianto può intossicare mortalmente chi gli è esposto. È un tumore ma anche un virus, si diffonde per contatto. Crudele beffa che la fonte del contagio sia spesso una persona amata, inconsapevole di quello che sta facendo. Evacuare il nero pece creando le premesse per la sua replicazione.
Il dolore è ferita prodotta dallo scontro tra due ragioni, nel senso di punti di vista, che il più delle volte sono sedicenti ragioni, intese come fondate prese di posizione.
Le due ragioni, come rette, in un futuro più o meno remoto potrebbero incontrarsi, e per questo il dolore è cicatrizzabile e rimarginabile, ma indelebile. Come nascita, amore e morte.
Ringrazio Believe di Parnia Kazemipour, perché a costringermi a riflettere sul doppiofondo che ogni dolore nasconde sono stati gli abissi voraci spalancati dagli occhi e dai silenzi dei suoi protagonisti.

3 pensieri su “La collisione di due ragioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...